Tag Archivio per: #sicurezza

La formazione dei lavoratori sulla salute e sicurezza sul lavoro non dovrebbe essere vista solo come un obbligo di legge, ma piuttosto come un investimento fondamentale per la protezione e il benessere di tutti i lavoratori.

Uno strumento fondamentale di prevenzione e tutela, prima ancora che un obbligo di legge, la formazione dei lavoratori sulla salute e sicurezza sul lavoro va considerata come un percorso chiave per conoscere rischi e situazioni pericolose legate all’attività lavorativa. E le adeguate misure per affrontarle.

Questa consapevolezza non solo riduce il rischio di incidenti sul lavoro, ma permette anche ai lavoratori di adottare misure preventive adeguate per affrontare tali situazioni in modo sicuro ed efficace.

Il Decreto Legislativo 81/08, noto come Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, stabilisce chiaramente le responsabilità del datore di lavoro in merito alla formazione dei lavoratori sulla salute e sicurezza sul lavoro. In particolare, l’articolo 37 del D.Lgs. 81/08 sottolinea l’obbligo del datore di lavoro di fornire ai lavoratori un’adeguata formazione in materia di salute e sicurezza, tenendo conto dei rischi specifici presenti nel loro ambiente lavorativo e delle misure preventive da adottare.

Questa formazione deve essere mirata e personalizzata in base alle mansioni svolte dai lavoratori e deve includere informazioni dettagliate sui rischi legati al lavoro, sulle procedure di emergenza, sull’uso corretto degli strumenti e delle attrezzature, nonché sulle normative vigenti in materia di sicurezza sul lavoro.

Il datore di lavoro ha quindi l’obbligo di garantire che tutti i dipendenti ricevano questa formazione prima di iniziare a svolgere le proprie mansioni e di fornire aggiornamenti periodici per mantenere alta la consapevolezza dei rischi e delle procedure di sicurezza.

In sintesi, l’articolo 37 del D.Lgs. 81/08 sottolinea l’importanza della formazione come strumento essenziale per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, riducendo al minimo il rischio di incidenti e malattie professionali.

Le disposizioni dell’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 riguardanti il percorso di formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro

In base a tali disposizioni, il percorso di formazione prevede due moduli distinti:

  • Formazione Generale: Questo modulo ha una durata minima di 4 ore ed è standard per tutti i lavoratori, indipendentemente dal settore di attività dell’azienda (codice ATECO). La formazione generale copre argomenti fondamentali quali il concetto di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei diversi soggetti aziendali, nonché le informazioni sugli organi di vigilanza, controllo e assistenza.
  • Formazione Specifica: Questo modulo varia in base al grado di rischio dell’attività svolta dall’azienda e ha una durata minima di 4, 8 o 12 ore. La durata dipende dal livello di rischio associato alle mansioni dei lavoratori: basso, medio o alto. La formazione specifica riguarda i rischi specifici legati alle mansioni svolte, i potenziali danni correlati e le misure di prevenzione e protezione da adottare per ridurre tali rischi.

Questo approccio diviso consente di fornire una formazione mirata e personalizzata ai lavoratori, affrontando sia gli aspetti generali della sicurezza sul lavoro che quelli specifici legati alle loro mansioni e al settore di attività dell’azienda.

Linea Vita Campania, effettua formazione direttamente in azienda!

Abbiamo a disposizione più di 200 mq dedicati alla formazione teorico/pratica completa rivolta a operatori, tecnici, imprese, lavoratori in quota; così da diffondere a tutti i livelli una CULTURA DEL LAVORO IN SICUREZZA.

La revisione periodica delle linee vita per i lavori in quota è un’attività fondamentale per garantire la sicurezza degli operatori che le utilizzano.

In seguito all’installazione di una linea vita è fondamentale procedere periodicamente alla revisione del sistema. L’intervento di personale competente è richiesto sempre in seguito al montaggio, prima della messa in servizio del sistema, e successivamente “almeno una volta all’anno se in regolare servizio o prima del riutilizzo se non usate per lunghi periodi” (UNI EN 11158, art. 9.1.6).

Il responsabile della verifica periodica viene riconosciuto nel datore di lavoro (proprietario dell’immobile o amministratore condominiale) o nel responsabile di cantiere.

Devi installare una linea vita? Affidati a Linea Vita Campania, azienda leader nei sistemi di sicurezza contro le cadute dall’alto!

In cosa consiste tipicamente la revisione periodica delle linee vita

Ispezione Visiva: Si effettua un’ispezione visiva delle linee vita per individuare eventuali segni di danni, usura o corrosione. Questa ispezione può essere eseguita da personale addestrato o da un professionista qualificato.

Test di Funzionalità: Vengono eseguiti test per verificare che i componenti delle linee vita, come i ganci, i supporti e i sistemi di ancoraggio, funzionino correttamente e siano in grado di sostenere il peso previsto.

Misurazioni e Verifiche: Si effettuano misurazioni e verifiche per garantire che le linee vita siano installate correttamente e rispettino i requisiti normativi e di sicurezza.

Valutazione del Manuale di Manutenzione: Viene esaminato il manuale di manutenzione delle linee vita per verificare che siano seguite correttamente le procedure raccomandate per la manutenzione e l’ispezione periodica.

Documentazione: Tutte le attività di revisione vengono documentate accuratamente, compresi eventuali problemi riscontrati e le azioni correttive intraprese.

Certificazione di Conformità: Dopo aver completato la revisione e risolto eventuali problemi, viene rilasciata una certificazione di conformità che attesta che le linee vita sono sicure e rispettano gli standard di sicurezza applicabili.

Parla con un nostro consulente!

 

La sicurezza sul lavoro è una componente fondamentale in ogni ambiente professionale per proteggere la salute e il benessere dei lavoratori. Le norme sulla sicurezza sul lavoro possono variare leggermente in base al paese e al settore, ma ci sono alcuni principi generali che sono ampiamente adottati a livello internazionale.

Ecco alcune delle principali norme sulla sicurezza sul lavoro!

Il testo unico sicurezza è la norma fondamentale che regola la salute e sicurezza sul lavoro. Il dlgs 81/08 detta le norme comportamentali in materia di sicurezza sul lavoro e ha l’obiettivo di stabilire regole, procedure e misure preventive per garantire luoghi di lavoro sicuri, riducendo al minimo l’esposizione dei lavoratori a rischi e infortuni connessi all’attività.

Il Testo Unico sulla sicurezza elenca infatti le misure generali di tutela, integrate da disposizioni specifiche per rischi o settori di attività, coprendo una vasta gamma di aspetti, come la movimentazione manuale di carichi, l’uso di videoterminali, l’esposizione ad agenti fisici, biologici e cancerogeni, e altro ancora.

Questo importante documento, entrato in vigore il 15 maggio 2008, si compone di 306 articoli e 51 allegati, organizzati in vari titoli che ne delineano la struttura.

Il codice civile, all’articolo 2087, ribadisce l’obbligo del datore di lavoro di adottare misure necessarie a tutelare l’integrità fisica e morale dei lavoratori, tenendo conto delle specificità del lavoro, dell’esperienza e della tecnica:

Tutela delle condizioni di lavoro. L’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.

Altre norme relative alla sicurezza sul lavoro sono:

  • Decreto Legislativo 106/09 (correttivo del 81/08)
  • Decreto Legislativo 151/2015 (modifiche all’aspetto sanzionatorio)
  • Decreto Ministeriale 388 (norme sul primo soccorso)
  • DM 3 agosto 2015 (Codice di prevenzione incendi)
  • ect.

Ci sono poi anche accordi Stato Regioni, pilastri essenziali della normativa.

Continua a seguirci per altre informazioni!

www.lineavitacampania.net

 

 

 

 

 

Le linee vita possono essere distinte in diverse tipologie.

Le linee vita sono dispositivi di ancoraggio utilizzati per la protezione dei lavoratori che eseguono attività in quota. Esistono diverse tipologie di linee vita, ognuna progettata per adattarsi alle esigenze specifiche dell’ambiente e del tipo di lavoro in sospensione.

Alcune delle principali tipologie di linee vita:

Linee Vita Orizzontali: Queste linee vita sono progettate per essere montate orizzontalmente su una superficie, come un tetto o una passerella. Possono essere fisse o mobili, consentendo ai lavoratori di spostarsi lungo una traiettoria orizzontale sicura.

Linee Vita Verticale: Queste linee vita si estendono verticalmente lungo una struttura, come una scala o una torre. Sono utili per lavori in cui è richiesta una discesa o un’ascensione verticale, come l’ispezione di torri o fari.

Linee Vita Flessibili: Queste linee vita sono costituite da cavi o cinghie flessibili che possono essere ancorati a diverse superfici. Sono particolarmente utili in ambienti dove la conformità è più complessa, come gru o attrezzature mobili.

Linee Vita Permanenti: Queste linee vita sono progettate per rimanere costantemente in posizione e offrono una soluzione di sicurezza continua. Sono spesso installate su edifici commerciali o industriali e richiedono manutenzione regolare.

Linee Vita Temporanee: Queste linee vita sono progettate per essere montate e smontate facilmente e sono utilizzate in cantiere o in situazioni in cui è necessario un accesso temporaneo.

Linee Vita Mobili: Queste linee vita consentono ai lavoratori di spostarsi lungo la linea vita mentre eseguono il lavoro. Sono spesso utilizzate in edilizia e manutenzione.

Linee Vita Rigide: Queste linee vita sono costituite da elementi rigidi, come travi o binari, e sono spesso installate su tetti o piattaforme fisse.

Linee Vita Sospese: Queste linee vita sono progettate per lavori in cui i lavoratori devono essere sospesi, come in caso di lavori su piattaforme elevabili o gabbie aeree.

Linee Vita su Corde o Cavi d’Acciaio: Queste linee vita sono costituite da corde o cavi d’acciaio resistenti. Possono essere utilizzate in vari scenari e sono spesso flessibili e portatili.

È importante selezionare la tipologia di linee vita più adatta alle esigenze del lavoro in corso e assicurarsi che siano conformi alle normative di sicurezza e regolarmente manutenute.

Richiedi un preventivo!

La sicurezza sul lavoro è una priorità assoluta in tutti i settori, ma assume particolare importanza quando si tratta di lavori in quota. Per questo motivo, è fondamentale garantire che vengano adottati adeguati sistemi di protezione per ridurre i pericoli e salvaguardare la salute dei lavoratori.

Ecco un elenco di norme e regolamenti che disciplinano i sistemi di protezione collettiva per lavori in quota:

Direttiva 89/391/CEE: Questa direttiva europea stabilisce misure per promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul posto di lavoro. La direttiva richiede che i datori di lavoro garantiscano la sicurezza dei lavoratori mettendo in atto misure di prevenzione, tra cui l’uso di sistemi di protezione collettiva.

Direttiva 2001/45/CE: Questa direttiva stabilisce requisiti minimi di sicurezza e salute per l’uso temporaneo di attrezzature di lavoro in quota. Include disposizioni specifiche per l’uso di sistemi di protezione collettiva, come parapetti, reti di sicurezza e linee di vita.

Decreto Legislativo 81/2008 (Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro) – Italia: Questo decreto stabilisce i requisiti minimi di sicurezza e salute per i lavoratori in Italia, inclusi i lavoratori che svolgono attività in quota. Include disposizioni specifiche sull’uso di sistemi di protezione collettiva e individuale.

UNI EN 13374: Questa norma europea specifica i requisiti e i metodi di prova per i sistemi temporanei di protezione collettiva contro le cadute dall’alto, come parapetti e barriere temporanee.

UNI EN 1263-1 e UNI EN 1263-2: Queste norme europee si riferiscono alle reti di sicurezza utilizzate nei lavori in quota. La UNI EN 1263-1 specifica i requisiti di sicurezza e prestazioni per le reti di sicurezza, mentre la UNI EN 1263-2 riguarda i metodi di prova e l’installazione delle reti.

UNI EN 795: Questa norma europea stabilisce i requisiti per i dispositivi di ancoraggio utilizzati in combinazione con dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto, come le linee di vita orizzontali e verticali.

Queste norme e regolamenti sono fondamentali per garantire che i sistemi di protezione collettiva siano conformi agli standard di sicurezza e siano efficaci nel prevenire incidenti e infortuni sul lavoro.

Continua a seguirci per altre informazioni utili!

Il “trauma da sospensione” può verificarsi nei lavori in quota, in particolare quando le persone sono esposte a situazioni di pericolo o stressante a elevate altezze. Per evitare o ridurre il trauma da sospensione in lavori in quota, ecco alcuni suggerimenti:

Formazione Adeguata: Assicurati di ricevere una formazione completa sulla sicurezza in lavori in quota. Impara le procedure corrette, l’uso di dispositivi di sicurezza, i protocolli di emergenza e le pratiche di lavoro sicuro.

Utilizzo di Attrezzature di Sicurezza: Utilizza sempre attrezzature di sicurezza adeguate, come imbracature, cinture di sicurezza, corde e sistemi di ancoraggio. Assicurati che siano in buone condizioni e che vengano utilizzati correttamente.

Valutazione dei Rischi: Prima di iniziare qualsiasi lavoro in quota, effettua una valutazione dei rischi per identificare potenziali pericoli e adottare misure preventive adeguate.

Pianificazione e Preparazione: Pianifica i dettagli del lavoro in quota in anticipo. Questo può aiutare a ridurre l’ansia e a evitare decisioni affrettate che potrebbero aumentare il rischio.

Monitoraggio delle Condizioni Psicologiche: Sii consapevole delle tue condizioni psicologiche e emotive. Se hai paura delle altezze o stai vivendo ansia, cerca supporto o considera se il lavoro in quota è adatto per te.

Lavoro di Squadra: Lavora sempre in squadra o con un collega quando possibile. La presenza di altri può fornire supporto emotivo e assistenza in caso di emergenza.

Comunicazione Chiara: Mantieni una comunicazione chiara e costante con i tuoi colleghi. Segnala eventuali problemi o preoccupazioni legate alla sicurezza.

Interruzioni e Riposi: Se possibile, programma interruzioni e riposi durante il lavoro in quota per evitare l’affaticamento e la tensione mentale.

Evitare la Forzatura: Se ti senti troppo stressato o ansioso, evita di forzarti a svolgere attività in quota. La tua sicurezza è fondamentale.

Controllo dell’Ansia: Impara tecniche di gestione dell’ansia, come la respirazione profonda o la focalizzazione sulla situazione presente, per affrontare i momenti di paura o stress.

Supporto Psicologico: Se necessario, cerca supporto da parte di uno psicologo o terapeuta che possa aiutarti a gestire l’ansia legata al lavoro in quota.

La sicurezza è la priorità principale nei lavori in quota. Prendere misure preventive, adottare attrezzature di sicurezza e gestire le proprie reazioni emotive può contribuire a ridurre il trauma da sospensione e a creare un ambiente di lavoro più sicuro e confortevole.

Nel caso degli interventi in quota, è importante dotarsi di dispositivi idonei a ridurre i rischi correlati alle operazioni. Richiedi informazioni!

Il costo di una linea vita è una questione ricorrente nel settore residenziale e privato dove, generalmente, chi decide di installare un sistema anticaduta è anche chi paga l’intervento.

Il costo di una linea vita può variare significativamente a seconda di diversi fattori, tra cui la dimensione dell’edificio o della struttura, il tipo di installazione, il materiale utilizzato, la complessità dell’accesso al tetto o alle aree di lavoro, le normative locali e regionali e la società o il professionista scelto per eseguire l’installazione.

In generale, il costo di una linea vita può essere suddiviso in due componenti principali: il costo dei materiali e il costo dell’installazione.

Il costo dei materiali può variare a seconda del tipo di linea vita scelto (ad esempio, una linea vita temporanea o permanente) e dei componenti specifici necessari per l’installazione.

L’installazione stessa può variare in base alla complessità della struttura dell’edificio, l’altezza e la facilità di accesso al tetto o alle aree di lavoro.

Per ottenere un prezzo preciso per la linea vita desiderata, è consigliabile contattare un’azienda specializzata in sistemi di sicurezza e richiedere preventivi dettagliati.

Una linea vita è un investimento importante per la sicurezza dei lavoratori e deve essere installata da professionisti qualificati e competenti per garantire la massima affidabilità e conformità alle normative di sicurezza.

Non compromettere la qualità e la sicurezza per risparmiare qualche euro.

Contattaci per un preventivo gratuito e senza impegno per avere un’idea ancora più chiara e precisa degli eventuali costi da affrontare!

Ufficio Tecnico/Preventivi

3477516024

08119217273

L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro ha pubblicato i dati preliminari relativi agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali per i primi cinque mesi del 2023.

Nel periodo da gennaio a maggio 2023, sono state registrate 245.857 denunce di infortuni sul lavoro, un calo del 24,1% rispetto a maggio 2022. Di queste, 358 hanno avuto esito mortale, segnando un calo dell’1,6%. Queste cifre rappresentano una tendenza positiva, indicando che la sicurezza sul lavoro continua a migliorare. Tuttavia, è importante notare che i dati sono ancora provvisori e possono essere soggetti a variazioni a seguito dell’elaborazione delle pratiche.

D’altro canto, le denunce di malattie professionali sono in aumento. Nei primi cinque mesi del 2023, sono state denunciate 31.346 malattie professionali, un aumento del 22,5% rispetto allo stesso periodo del 2022. Questo aumento potrebbe essere attribuito a una maggiore consapevolezza e riconoscimento di queste patologie.

La distribuzione dei dati varia notevolmente in base al settore industriale, al genere, all’età e alla nazionalità dei lavoratori, così come tra le diverse regioni italiane. In particolare, il Sud ha registrato un calo più significativo delle denunce di infortuni (-30,9%), seguito dalle Isole (-30,1%), dal Nord-Ovest (-27,2%), dal Centro (-23,7%) e dal Nord-Est (-16,0%). Questi dati evidenziano le diverse sfide e opportunità che si presentano nelle diverse parti del paese.

I dati preliminari dell’Inail forniscono un quadro complesso: mentre la diminuzione delle denunce di infortuni sul lavoro è una notizia positiva, l’aumento delle denunce di malattie professionali indica che c’è ancora molto lavoro da fare per garantire la sicurezza e il benessere dei lavoratori italiani.

Continua a seguirci per altre informazioni!

Linea Vita Campania srls

Dall’Inail il nuovo servizio di consultazione per la valutazione dei rischi.

L’Inail ha introdotto un nuovo strumento per la valutazione e gestione dei rischi sul posto di lavoro: l’applicativo per ridurre i rischi sul lavoro.

L’applicativo si basa su ricerche scientifiche e criteri metodologici per facilitare la valutazione e gestione dei rischi sul posto di lavoro. È stato creato per implementare l’articolo 28 del decreto del 2008 sulla valutazione dei rischi e si rivolge alle aziende e ai datori di lavoro.

L’applicativo è stato reso disponibile a partire dal 23 maggio 2023 e rappresenta un importante passo avanti nella prevenzione degli incidenti sul lavoro. Grazie a questo strumento, le aziende potranno valutare e gestire i rischi in modo più efficiente e accurato, riducendo il rischio di infortuni e migliorando la sicurezza dei propri dipendenti.

La valutazione dei rischi sul lavoro è un processo complesso e fondamentale per garantire la sicurezza dei lavoratori. L’applicativo dell’INAIL semplifica questo processo, fornendo un’interfaccia intuitiva e facile da usare. Inoltre, l’applicativo è stato sviluppato in modo da essere accessibile anche ai datori di lavoro meno esperti, grazie a una serie di suggerimenti e istruzioni.

Funzionalità dell’applicativo:

  • Procedure metodologiche standardizzate: L’applicativo segue procedure metodologiche standard per la valutazione del rischio, facilitando l’identificazione e la valutazione dei rischi specifici per ogni azienda.
  • Filtri personalizzati: Per identificare e valutare i rischi specifici in base alle esigenze di ogni azienda. Questo consente ai datori di lavoro di concentrarsi sui rischi più rilevanti e di implementare misure di prevenzione adeguate.
  • Interfaccia user-friendly: L’applicativo è stato progettato con un’interfaccia intuitiva che rende semplice la navigazione e l’accesso alle funzionalità.
  • Aggiornamenti continui: L’applicativo si basa su ricerche scientifiche e criteri metodologici aggiornati, garantendo che le aziende abbiano accesso alle informazioni più recenti e alle migliori pratiche in materia di sicurezza sul lavoro.

RICHIEDI INFORMAZIONI!

I parapetti anticaduta rappresentano quei dispositivi di protezione collettiva (DPC) adoperati per ridurre il rischio di caduta dall’alto al fine di salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori.

La normativa vigente (D.Lgs. 81/2008) dà un’importanza prioritaria ai dispositivi di protezione collettiva rispetto a qualsiasi sistema anticaduta che prevede l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

Quali norme deve rispettare un parapetto anticaduta?

Seppur il parapetto anticaduta non necessiti obbligatoriamente di marcatura CE poiché si tratta di un dispositivo di protezione collettiva, deve essere comunque certificato e conforme a prescrizioni dettate dalla normativa vigente. In Italia, i parapetti anticaduta devono essere progettati nel rispetto di 3 norme:

  • UNI EN ISO 14122-3;
  • Norme Tecniche per le Costruzioni 2018;
  • Lgs. 81/2008.

UNI EN ISO 14122-3

La UNI EN ISO 14122-3 indica che il parapetto debba avere determinate caratteristiche:

  • un’altezza minima di 1,1 m;
  • uno spazio tra corrimano e corrente e tra questo e la tavola fermapiede minore di 50 cm;
  • una distanza tra l’asse di ogni montante preferibilmente di 1,5m;
  • una tavola fermapiede alta almeno 10 cm e posta al massimo ad 1 cm dal piano di calpestio.

Norme Tecniche per le Costruzioni 2018

Le Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 non forniscono nessuna indicazione geometrica relativa ai parapetti; si caratterizzano invece per l’applicazione di un carico orizzontale che viene uniformemente distribuito sul corrente superiore pari a 150 kg/m.

D.Lgs. 81/2008

Il D.Lgs. 81/2008 offre specifiche indicazioni geometriche, ovvero:

  • il montante verticale deve essere alto almeno 1 m;
  • uno o più correnti devono essere paralleli all’intavolato;
  • una tavola fermapiede deve essere alta almeno 20 cm;
  • uno spazio tra corrente e tavola fermapiede deve essere minore di 60 cm.

Lavora in sicurezza, ti offriamo tutto l’aiuto necessario per salvaguardare i tuoi lavoratori. Richiedi informazioni!